Notte dei musei. Invasione record
- 20/05/2013
Tempo Roma di lunedì 20 maggio 2013, pagina 31
Notte dei musei. Invasione record
di Antonucci Gabriele


Grandi numeri Ai Musei capitolini 17.500 visitatori, 15 mila ai Mercati Traianei, 8mila all'Ara Pacis 
Notte dei musei. Invasione record In 100 spazi culturali 270 mila presenze. L'assessore Gasperini: mai così
Il grande Sordi Il marchese del Grillo proiettato in piazza del Campidoglio Musica I Beatles omaggiati in concerti a 50 anni dal loro album d'esordio

L'arte non insegna niente, tranne il senso della vita», ha scritto Henry Miller. Sono oltre 270.000 gli spettatori che ieri sera, dalle 20 fino alle 2, hanno pacificamente invaso i cento spazi culturali messi a disposizione da Roma Capitale per «La Notte dei Musei», trascorrendo una serata speciale all'insegna dell'arte e del divertimento. Saltava all'occhio la grande compostezza del pubblico, anche nelle lunghe file davanti ai principali musei, e la nutrita presenza di giovani, attratti dalla gratuità delle esposizioni e dalla ricchezza degli eventi. Ai Musei Capitolini si sono registrate 17.500 presenze, ai Mercati di Traiano 15.000, all'Ara Pacis 8.000, al Palaexpo 5.800, alle Scuderie del Quirinale 3.000, al Polo Museale Sapienza 7.000 e al Maxxi 8.500. «I 270.000 partecipanti alla manifestazione confermano il successo della nostra notte del-la cultura - ha sottolineato l'Assessore alla Cultura Dino Gasperini - Abbiamo registrato una grandissima affluenza fin dalle prime ore, con un risultato senza precedenti e in costante aumento rispetto alle passate edizioni». I Beatles, a cinquant'anni dal loro album d'esordio «Please please me», sono stati protagonisti dei concerti di Antonello Salis ai Musei Capitolini e di Alice Pelle ai Mercati di Traiano, dove Francesco Gazzara ha suonato al pianoforte anche alcuni brani dei Genesis, mentre i Pink Floyd sono stati egregiamente impersonati dai Floydiana all'Ara Pacis. I più giovani hanno applaudito le esibizioni dei Marta sui Tubi al Centro Culturale Gabriella Ferri, di Syria alla Casa dell'Architettura e di Federico Zampa-glione al Centro Culturale Aldo Fabrizi. Più trasversale il pubblico di Teresa de Sio, che con il suo folk mediterraneo ha fatto ballare gli spettatori della Galleria Sordi. Il Palazzo delle Esposizioni, dove sono in corso le mostre «Empire State. Arte a New York oggi» e «Helmut Newton», è stato lo scenario ideale per la musica avvolgente ed evocativa di Amedeo Pace, frontman dei Blonde Redhead, gruppo cult dell'indie newyorkese: un perfetto incastro tra suoni e immagini. In Piazza del Campidoglio è stato proiettato «Il marchese del Grillo», con tanti fan di Alberto Sordi che ripetevano le battute a memoria. Dal centro fino alle periferie, passando per Testaccio, Ostiense, Trastevere e San Lorenzo, tutta la capitale è stata attraversata da un esercito pacifico e festante, entusiasta di riappropriarsi per tutta la notte degli inestimabili tesori artistici di Roma.

Tantissimi ragazzi ai Mercati Traianei; piazza del Campidoglio e il Palazzo delle Esposizioni Al Palaexpò 5.800 visitatori, 8.500 al Maxxi


Notizie
La sensazione di caos, approssimazione, incuria e degrado in cui versa Roma, anche nei suoi luoghi più rappresentativi, mi piace. Eh già! Pensateci: i clandestini (quei ragazzotti alti e ben pasciuti che non fuggono... leggi tutto
Per chi, come me, ha vissuto per tanti anni la politica dall'interno, vedendone letteralmente di tutti i colori, respirandone i profumi leggeri ed inebrianti e sperimentandone tutte le amarezze necessarie ed inevitabili,... leggi tutto
Newsletter